Prossimi Tornei

*** ALLEZ LES BLEUS!!! ALLEZ LES BLEUS!!! ALLEZ LES BLEUS!!! ***
Ci troviamo il venerdì sera dalle 21 alle 24 in "Location" a Busto Garolfo, telefonare al 347-2681083 (Fabrizio)

domenica 13 dicembre 2015

Messaggio Presidente


Con l’occasione delle prossime festività di Natale ci tengo ad inviare un personale augurio a tutti gli amici compagni di squadra e relative famiglie di questo splendido gruppo che sono i Flickers.
Con dicembre 2015 si conclude anche questo mio primo semestre alla presidenza della squadra. Sono avvenute tante cose e ci tenevo a darne una lettura personale.
Sono stato accolto in questa squadra per la stagione 2013/14 e devo dire che, oltre a splendidi compagni di squadra, ho trovato un gruppo di veri amici con i quali condividere questa passione.
Allorquando a fine 2011 realizzai che il vecchio Subbuteo era ancora vivo e che nel frattempo si era evoluto in CDT, mi resi conto dello sparti acque che si era creato nella interpretazione di questo gioco/sport. I giocatori di Subbuteo rinominato “old”, avevano preferito mantenere un profilo prettamente ludico e amatoriale, rinchiudendosi in gruppi e giocando sempre tra di loro. Il CDT invece aveva dato seguito a quell’attività agonistica iniziata con il Subbuteo degli anni 70. Incredibile fu per me ritrovare Gianluca e Stefano che avevo perso di vista negli anni ’80 e scoprire che avevano dato continuità al movimento lombardo/italiano/Internazionale creando quel mostro di squadra che è lo Stella Artois.
Nel competitivo ambiente agonistico del CDT i Flickers si sono sempre dibattuti nelle serie basse del campionato a squadre senza mai riuscire veramente a fare quel salto di qualità. La dipartita del presidente Flavio nonchè il più forte giocatore della squadra, aveva sicuramente indebolito l’organico ridimensionandone le potenzialità.
Con la sofferta promozione in serie C della scorsa stagione, i Flickers hanno finalmente raccolto quel risultato sfuggito per un soffio negli anni precedenti. La fresca promozione ha risvegliato in tutti noi quello spirito agonistico in più per perseguire qualche obbiettivo più ambizioso.
Prima ancora che mi fosse passato il testimone della presidenza, si erano già aperte delle opportunità, poi concretizzatesi, di rinforzarci con selezionate persone che portassero valore. Nuovi giocatori di spessore tecnico, che potessero veramente cambiare l’orizzonte delle nostre ambizioni.
Siamo fortunati. I Flickers sono prima di tutto un gruppo di belle persone dove il rispetto reciproco, l’educazione e la solidarietà sono alla base del rapporto. Non siamo dei professionisti del CDT, ma siamo tutti delle persone che hanno famiglia, lavorano e amano passare qualche ora in compagnia di questo gioco/sport. A tale proposito credo che i nostri nuovi compagni di squadra, al di là dell’apporto tecnico, siano tutte persone straordinarie. Non aggiungo parole su Marco e Ignazio. Alcuni di voi hanno avuto modo di conoscere Geoffrey, una pasta di ragazzo, ma tostissimo in campo. Colin lo vediamo poco, ma basti dire che è stato riconosciuto Mr. Fair Play dalla FISTF.
Nonostante alcuni componenti della squadra hanno dovuto rallentare l’attività per impegni personali, il gruppo è riuscito a presenziare a 5 competizioni a squadre nel corso della nuova stagione 2015/2016. Per il proseguo della stagione c’è un sogno nel cassetto. Abbiamo assaggiato l’andata della serie C, per renderci conto che una cosa è un week-end di C in quell’arena di San Benedetto, altra cosa è un interregionale o la serie D. Alla fine ne siamo usciti bene, ma dobbiamo riconoscere che non è stata una passeggiata. Un grazie di cuore a Genny, Geoffrey, Giulio, Luca e Marco per la loro dedizione e impegno dimostrati nell’affrontare l’appuntamento del campionato a squadre e gli allenamenti che lo hanno preceduto. Un grazie a tutti gli altri componenti della squadra, ricordando che il vostro contributo sarà fondamentale nel proseguo della stagione. Da capitano Berny insostituibile, Fabrizio colonna portante della squadra, Mirko e tutti gli altri.
Buon Natale e Buon Anno a tutti. Forza Flickers. Allez les Bleus!

Ecco..C

Ecco…C
La giornata pregara si è rivelata alquanto divertente e piacevole: il viaggio in treno è scorso via tranquillo e senza intoppi, l’arrivo in albergo in coincidenza con i compagni, riserva però la sorpresa che il gruppetto giunto in macchina non è mai arrivato in camera! 
Probabilmente un boicottaggio delle nostre avversarie presenti in albergo o una dieta andata a rotoli, sta di fatto che l’ascensore si è bloccato al piano superiore e non ne voleva sapere di lasciare uscire i ragazzi.

L’abnegazione del receptionist e le rassicurazioni telefoniche da parte di Marco han fatto si che la mezz’ora trascorsa dagli intrappolati sia rimasta solo un evento spiacevole per i malcapitati ma simpaticissimo per i non coinvolti.

La serata, dopo innumerevoli contrattazioni via wtsp, è trascorsa in un vicino ristorante che ci ha saziato con specialità marine e terrestri, annaffiate da discrete quantità di vino.
Dopo una passeggiata distensiva lungo il curatissimo lungomare Sanbenedettese, su indicazione di Claudio, ci auguriamo allegramente la buonanotte, l’appuntamento è alle 7.30 per la colazione.

Sabato, dopo una ricca colazione in compagnia dei cugini dello Stella Artois, del Brescia e di altre compagini, (della serie l’albergo non in convenzione costa meno e ce ne siamo accorti tutti), decidiamo che ci recheremo al palazzetto con la  macchina di Vittorio ad eccezione di Marco e Giulio che preferiscono una distensiva passeggiata.

E finalmente, dopo tanti anni in cui l’ho sognato, entro al palazzetto: bellissimo, 48 campi divisi in settori da 4, con tabelloni segnapunti, targhette che indicano la zona dedicata ad ogni squadra, striscioni dei club (il nostro?),insomma aria di subbuteo.
Prendiamo subito possesso di qualche tavolo, dove un po’ a turno, ci scaldiamo.

Purtroppo per rompere il ghiaccio dobbiamo attendere il terzo turno, però nel mentre decidiamo la tattica per affrontare le Fiamme Roma: secondo le mie statistiche, visto che loro giocano fuori casa, tendono a schierare per primo il più debole ed infatti così sarà: Bressi a cui abbiniamo Marco per ottenere il punto, poi puntiamo sull’effetto “sconosciuto” Geoffrey su cui mettono uno dei meno forti Napolitano e poi schierano Portera, il terrore di tutti, perché ha rifilato 6 polpette a Vittorio e a Giulio, a cui decidono di abbinare me con lo scopo di imbrigliarlo e buttarla sulla rissa; l’ultimo accoppiamento prevede Vittorio contro il forte Di Pietrantonio.
A 5 minuti dal termine, la partita è durissima, siamo sul 2-2 con solo Marco che ha preso il largo, gli altri risultati sono in bilico, Geoffrey vince di misura su Scatamacchia subentrato all’intervallo, Vittorio perde di misura come me, ma dopo una lunga azione, riesco a pareggiare l’incontro; da quel momento il mio campo diventa una discussione unica dove viene chiamato il capo arbitro e viene bloccato il tempo per circa un minuto; sta di fatto che al termine del tempo regolamentare mentre gli altri festeggiavano la vittoria, io avevo ancora da sudare per portare a casa la pagnotta; caso vuole che il mio timer fosse fuori uso e quindi ci si basava solo su quello dell’avversario, che casualmente però, aveva deciso di stopparlo; abbiamo giocato il minuto di recupero più lungo del mondo e dopo calci d’angolo, tiri, parate, etc etc ho deciso che andava bene così e poteva dirsi conclusa la partita, con sommo rammarico del mio avversario.

La seconda partita ci aspettano gli Hawks che sono privi di Mariotto e Scola, in pratica la stessa formazione che abbiamo battuto a Crevalcore: decido che è giunto il momento di schierare chi non è ancora sceso in campo: a Peghin contrappongo Giulio, a Geoffrey mi abbinano Pezzuolo, a De Rosa abbino Luca, ultimo incontro Marco vs Della Monaca; alla fine del primo tempo Giulio vince di misura così come Geoffrey, ma Marco perde 2-0 e Luca 1-0; Luca chiede di essere cambiato perché l’arbitro lo innervosice e così decido per l’ingresso di Vittorio, a Peghin subentra Zava; Marco inizia a carburare accorciando le distanze, dopo poco Vittorio si porta in parità ma anche Zava pareggia, poi Marco agguanta la partita ma Giulio va sotto, Giulio poi pareggerà ma poi subirà ancora un gol, anche Vittorio va sotto e a pochi secondi dal termine Marco ribalta il risultato: morale pareggiamo 2-2 con Treviso, sulla carta 2 punti persi, ma in realtà un punto guadagnato a pochi secondi dal termine.

La terza partita ci aspetta la nostra prima trasferta contro la candidata alla promozione Bagheria: decido di schierare Astengo, sempre pronto a giocare, al quale abbinano la campionessa mondiale Lo Cascio Giuditta, poi a Lo Presti abbino il presidentissimo Vittorio e butto nella mischia Luca per fargli fare ancora un po’ di minutaggio al quale abbinano il ragazzino tremendo Lo Cascio Emanuele; l’ultimo siciliano a scendere in campo è il fortissimo Buono Stefano che decido di abbinare a Geoffrey sperando nel miracolo; la partita si fa subito interessante perché Giulio passa in vantaggio così come Vittorio, mentre sugli altri due campi prendono il sopravvento gli avversari; arriviamo all’intervallo con due partite oramai andate, Vittorio vince 1-0 e Giulio nel mentre ha subito il pareggio; decido nel cambio di Giulio per Marco, Bagheria sostituisce Lo Presti con l’altra mondiale Butitta; Vittorio  non si fa abbindolare dalla presenza femminile e regola la partita per 2-1, Marco invece subisce il fascino della Lo Cascio e la grazia a pochi secondi dal termine con un tiro poco preciso; perdiamo la nostra prima partita, ma per veramente un niente.

La quarta partita ci tocca la seconda trasferta contro la corazzata Messina che sta viaggiando a punteggio pieno, infarcita com’è di campioni e giocatori fuori categoria: decidiamo di schierare Vittorio per metterli in difficoltà e rispondono con il tremendo Cubeta, Mandanici lo abbino a Geoffrey e Marco lo abbinano al La Torre di mezzo, io vengo scelto per fermare l’inarrestabile Mifsud. La gara è ricca di colpi di scena sino a pochi secondi dal termine dove vinciamo per 2-1 grazie alle notevoli prestazioni di Geoffrey e di Marco, ma purtroppo Vittorio subisce l’ultima rete a manciate di secondi dal termine e la gara finisce in parità: ebbene ce la siamo giocata alla grande contro una grandissima, onore al merito.
La quinta partita partita ed ultima dell’ estenuante giornata, alle 18.30, ce la giochiamo in casa contro i cugini alla lontana dello Stadivari Cremona che ci sono davanti in classifica: a Sella rispondiamo con Marco, a Geoffrey abbinano Calò, a Ciraolo C. optiamo per Astengo e a Vittorio abbinano Gentile: la gara si fa subito calda perché Geoffrey ci porta in vantaggio ma Vittorio prende il gol, Marco discute con Sella e Giulio è un continuo WUASSALAAA; all’intervallo siamo ancora 1-1 e Cremona sostituisce Ciraolo con il fratello Gaetano.
Riprende la partita con Giulio che urla sempre più spesso il suo famoso grido per le fantastiche parate, Geoffrey si prende a pallettate con Calò, Vittorio subisce il secondo gol e Marco non riesce a fare sua la partita;  ma poco dopo, finalmente, dopo l’ennesimo assalto, Marco passa in vantaggio, Geoffrey allunga e, ciliegina sulla torta, a pochi secondi dal termine, su un contropiede, Giulio segna il gol vittoria…. è GODURIA assoluta, li abbiamo purgati ancora, 3-1 per noi.

La sera, dovendo incontrare la cugina della moglie, mi son diviso dal gruppo, ma solo fisicamente, perché via wtsp abbiamo condiviso portate e bevute.
All’indomani solito puntello a colazione, check-out e  poi tutti in macchina, tranne Luca che si fa ospitare dal bagagliaio dello Stella.

La prima partita della domenica ci vede impegnati contro la seconda in classifica nonché sorpresa del torneo, Sassari; Vittorio si lancia nella mischia e gli abbinano Moro, Lay lo abbino a Marco, Geoffrey subisce il forte Ogno ed io mi schiero contro Deffenu. Chiudiamo il primo tempo 3-0 grazie al vantaggio di Vittorio, Marco e Geoffrey. Nella ripresa, nonostante l’ingresso di Pintore, Vittorio allunga; invece, sugli altri campi, subiamo tutti un gol, siamo sul 1-1, serve un pareggio da parte mia che arriva a 2 minuti dal termine. Vittoria per 1-0.

La seconda della domenica è contro la rimpolpatissima Biella, che schiera il forte Bodin, a cui abbiniamo il buon Geoffrey, seguo io e mi piazzano Lena, a Jon Scotta rispondiamo con Marco e Vittorio si becca Cuzzocrea: la partita è molto equilibrata ed arriviamo all’intervallo in svantaggio per 0-2 con Bodin che vince su Geoffrey e Cuzzocrea su Vittorio entrambi di una sola rete. La ripresa vede prima il pareggio di Vittorio, poi il vantaggio di Marco, ma a 2 minuti dal termine, su un uno/due di Lena, passo in svantaggio e purtroppo questo risultato porterà alla sconfitta la squadra. Mi spiace molto perché potevo fare sicuramente meglio essendomi mangiato un paio di occasioni. 1-2

Ancora colpiti dalla cocente sconfitta affrontiamo il Papata che schiera subito il fortissimo Nicchi a cui abbiniamo Giulio per contenerlo con le sue parate, Geoffrey viene preso dall’altrettanto forte Neri, Vergoni viene preso da Marco, Vittorio da Caiazzo. La gara si fa subito in salita perché Geoffrey va sotto, poi Giulio e poi anche Vittorio, si salva solo Marco, poi però Vittorio pareggia e Geoffrey pure, ma nella ripresa Nicchi prende il largo così come Neri, Vittorio subisce un’altra rete mentre Marco dilaga. Perdiamo anche con Papata ma con un risutato di 1-3


L’ultima giornata, ci vede stanchi, un po’ giù di corda e con la paura di restare agli ultimi posti. Ci vuole una vittoria contro Cosenza per scacciare i fantasmi.
Potrei giocare solo un tempo perché poi ho il treno che mi scappa, decido però di non schierarmi per evitare di forzare la sostituzione all’intervallo, ma anzi, nonostante le sue reticenze, a sorpresa, butto Luca nella mischia che viene preso da Soria, Borsani lo abbiniamo a Vittorio, Geoffrey va a giocarsela contro Cuzzocrea L. e Sommella va contro Marco, quinto uomo Giulio.
La partita si fa subito in discesa perché Geoffrey passa in vantaggio, seguito da Vittorio e poi da Marco, Luca attacca all’arma bianca. All’intervallo siamo 3-0 e scappo via  abbracciando però prima, ad uno ad uno, i ragazzi che mi stavano regalando una grande prova di forza e determinazione.
Poi in stazione mi arriva il wtsp con la bellissima notizia : Flickers-Cosenza=4-0!
 Siamo secondi in classifica e chi se lo aspettava…

A questo punto voglio ringraziare puntualmente ogni componente della squadra:
·        Prima di tutti Geoffrey che si è sobbarcato una trasferta notevole, ignaro di tutto e degli avversari che gli capitavano, ha giocato alla grande con tutte le sue forze chiudendo con uno score di  rispetto, vero professionista
·        Marco, il nostro TOP player, grazie alle innumerevoli vittorie ci ha trascinato per tutto il campionato e grazie alle sue battute ci ha rallegrato prima e dopo il campionato, un acquistone sia come giocatore ma soprattutto come compagno, grazie a lui “cresceremo” molto, anzi già mi sento più alto; arrembante
·        Vittorio, il nostro supermaxipresidente, ci ha scorrazzato per mezza Italia, sempre pronto ad affrontare qualsiasi avversario, un po’ più timido del solito ma probabilmente stanco per i tanti chilometri passati alla guida, non ha mollato mai, vero Flicker
·        Giulio, stupore dei suoi avversari per i Wuassala dispensati senza timore, ha affrontato le partite a testa alta, mai piegandosi ai suoi avversari anche se di caratura superiore, si è rivelato oltre che mina vagante, il migliore 5° uomo che si possa avere accanto; essenziale
·        Luca, infastidito dalla scarsezza arbitrale, ha sofferto un po’ il campo di gioco, ma in compenso, si è imposto dal punto di vista tecnico, decidendo alcuni abbinamenti rivelatisi essenziali; stratega

·        Genny, insignito temporaneamente della fascia di capitano, prova a non far rimpiangere il titolare, schiera la squadra seguendo anche le indicazioni dei componenti oltre che le sue statistiche, alterna risultati utili ad altri sfortunati; prezioso

(GNY)

Serie C (andata) - Cronaca

Venerdì 20 novembre
Il gran giorno è giunto, si deve partire…
Ognuno per sé… Marco è il primo a farlo, salendo su un comodo FrecciaBianca che lo porterà a San Benedetto ancora in tempo per assaggiare un piacevole sole che proietta sulla spiaggia lunghissime ombre di palma. Genny e Sonia anche loro in treno, ma con più calma…



Dalla Milano da bere (si fa per dire) parte un eterogeneo gruppo di italiani (Vittorio e Luca), belgi (Geoffrey) e quasi gallesi (Giulio) che in parte fanno conoscenza tra loro in auto.
La “Marco Service Corporation” si occupa di scovare, visitare, vagliare, proporre, discutere ed infine prenotare per le cene di venerdì e sabato e, quando il resto della truppa giunge a destinazione nel segretissimo hotel scelto da Genny e Vittorio per il “ritiro” non rimarrebbe che farsi una doccia ed uscire ma…. ecco che l’ascensore dell’hotel con dentro Giulio-Vittorio-Geoffrey-Luca e bagagli si blocca improvvisamente e la soluzione appare fin da subito non semplice…
Di fuori Marco, Genny e signora se la ridono della grossa, ma quando mezz’ora più tardi tutto è ancora irrisolto cominciano un po’ tutti a preoccuparsi (più che altro per la cena, che diventa imminente).
Pare poi che Vittorio dia segni di crisi respiratorie mentre Giulio ne approfitta per farsi un pisolino in piedi… a quel punto ci si cerca di cautelare, richiamando Ignazio, Mirko e Fabrizio a fare in fretta le valigie e partire nella notte, al fine di poter schierare la squadra nel primo incontro con le Fiamme Roma.
Per fortuna però il pronto intervento delle “Teste di Cuoio” da Ascoli Piceno evita il dramma e la truppa, un po’ provata, può alla fine uscire a respirare… Benvenuto in Italia, Geoffrey !!!
Il campione belga vorrebbe tornare subito indietro, ma Vittorio lo convince raddoppiandogli l’ingaggio.
Una doccia e via… la cena è piacevole sia per la compagnia che per la qualità dei piatti, sia di pesce che di carne.  Al tavolo 42 sta nascendo (anzi: continuando a crescere) un bel gruppo… viene scelta democraticamente la maglia blu (anzi BLEU) per l’indomani. Passeggiatona digestiva sul lungomare e poi a nanna. Bellissima serata-Flickers, ma da domani si fa sul serio…
Sabato 21 novembre
A colazione siamo tutti un po’ meno loquaci… un po’ il sonno, un po’ la tensione pre-gara…
Marco e Giulio si fanno una passeggiata fino al Pala-Speca ed inizia l’avventura della serie C.
Riposo al primo turno, poi si arbitra Foggia-Trento. Finalmente, quando è quasi mezzogiorno, ecco le Fiamme Roma.
Prima Giornata
FLICKERS vs FIAMME ROMA 2-1
Baj – Bressi 4-0
Marain – Napolitano/Santanicchia 1-0
Ancarola – Portera 1-1
De Pascale – Di Pietrantonio 1-2
L’esordio è di quelli tosti, ma sia Marco che Geoffrey  trovano il goal abbastanza presto, mentre Vittorio e Genny devono soffrire contro gli avversari più ostici e sono sotto… Marco prosegue in scioltezza, Geoffrey controlla… il pareggio è nell’aria, ma a 5 minuti dalla fine Genny pesca dal cilindro il goal decisivo contro Portera e compie il piccolo miracolo di reggere nel finale agli attacchi disperati dell’avversario.
C’mon Flickers  !!!  Salutate la capolista !!!

Meritata sosta-pranzo, poi una partita che sulla carta pare “potabile”, contro Treviso, appena sconfitta da Biella negli ultimissimi secondi.
Seconda Giornata
FLICKERS vs TREVISO 2-2
Astengo – Peghin/Zava 2-3
Marain – Pezzuolo 2-0
Pessini/De Pascale – De Rosa 1-2
Baj – Della Monaca 3-2
La sicurezza con cui Geoffrey va a condurre con Pezzuolo unitamente al vantaggio di Giulio contro Peghin non bastano a tranquillizzare i Flickers:  Luca va in svantaggio contro De Rosa e Marco è addirittura sotto 0-2 contro Della Monaca, anche se riesce a dimezzare lo svantaggio all’intervallo. Vittorio entra per Luca per cercare una rimonta “vitale”, anche perché Giulio si vedrà davanti Zava nel secondo tempo, il quale cercherà la medesima impresa a cui è chiamato il Presidentissimo.
Purtroppo per noi è Zava a ribaltare per primo il risultato… ma sia Vittorio che Marco siglano il goal del pareggio. Vittorio cerca allora di vincere, ma subisce invece il nuovo vantaggio di De Rosa. Giulio combatte e pareggia. Manca pochissimo e siamo in parità. Improvvisamente Zava grida di nuovo. Siamo nel dramma. Pressing di Marco che recupera palla ad un minuto dalla fine e quando mancano 20 secondi sfoga la sua gioia per il goal decisivo con un urlo disumano. Rimpianti e soddisfazione si intrecciano, ma per come stava andando è un punto guadagnato.

Non c’è tempo di pensarci su troppo… dobbiamo arbitrare Vibo-Trento. Facciamo riposare Vittorio che non è partito come voleva e deve ritrovare concentrazione e tranquillità.
Terza Giornata
BAGHERIA vs FLICKERS 2-1
Lo Cascio Giuditta – Astengo/Baj 1-1
Lo Presti/Buttitta Eleonora – De Pascale 1-2
Lo Cascio Emanuele – Pessini 6-2
Buono S. – Marain 6-1
Fin dalla prima frazione è chiaro che possiamo puntare al massimo alla divisione della posta. Luca è in grossa difficoltà contro Lo Cascio Emanuele e Geoffrey viene punito prima dall’arbitro e poi duramente dal suo avversario Stefano Buono, un giocatore da serie A. Un rigenerato Vittorio è avanti di misura su Lo Presti, ma nella ripresa dovrà vedersela con Eleonora Buttitta, una delle campionesse del mondo a squadre, che ha battuto la Deaudonne nella finale. Giulio va in vantaggio con l’altra campionessa del mondo Lo Cascio Eleonora, ma il pareggio con cui si conclude il primo tempo è davvero oro colato, viste le numerosissime occasioni che la siciliana si vede fermare dalle “PARATONER” del nostro eroe…
Mentre Vittorio prima raddoppia e poi gestisce con sicurezza il vantaggio… Marco, patisce un po’ l’entrata in corsa e tarda a carburare anche se la partita è a senso unico. Nel finale di gara Marco preme disperatamente ma prima è lui a sciupare un paio di ghiotte occasioni e poi è Eleonora a restituire tutti in una volta i “miracoli” che Giulio aveva fatto nel primo tempo. La paratona della siciliana che salva il pari quando mancano 30 secondi alla fine ha dell’incredibile e manda in visibilio i numerosi supporter siciliani.
Torniamo con i piedi per terra ed anzi ora ci aspetta Messina, già capolista solitaria a punteggio pieno.

Il turno di riposo ci consente di ritrovare un po’ di energie ed il sorteggio ci propone comunque sfide intriganti e che lasciano qualche speranza per sognare il colpaccio.
Quarta Giornata
MESSINA vs FLICKERS 2-2
Cubeta –De Pascale 3-2
Mandanici/La Torre Claudio – Marain 2-3
La Torre Antonio – Baj 1-2
Mifsud – Ancarola 2-0
Pronti-via e Marco è subito sotto contro La Torre Antonio, ma Vittorio e Geoffrey passano a condurre. La resistenza di Genny è encomiabile ma Mifsud è implacabile (alla fine saranno 8 vittorie su 8 incontri per il campione Veteran maltese, con un solo goal subito in due giorni). La partita vive su continui ribaltamenti e cambiamenti di stato d’animo. Marco rimonta e passa a condurre già nel primo tempo. Geoffrey deve fare muro contro il fortissimo Claudio La Torre per mantenere il vantaggio nella ripresa. Vittorio va sotto ma poi trova il pari. Manca 1 minuto e 40 al termine e stiamo conducendo 2-1… Vittorio ha la palla ma attacca per vincere… la perde… e Cubeta lo punisce inesorabilmente. Un pareggio che avremmo senz’altro firmato all’inizio, ma che maturato in questi termini lascia un po’ di amaro in bocca… e soprattutto una classifica da rimpolpare immediatamente !  Ci aspettano i “cugini” cremonesi, che stanno facendo un gran campionato e ci sono avanti in classifica.

Per una tarda merenda arbitriamo la B (Serenissima-Firenze) e poi ci ritroviamo stanchi ed affamati (anche di punti) a quello che è un appuntamento decisivo per andare a cena con il sorriso sulle labbra.
Quinta Giornata
FLICKERS vs CREMONA 3-1
Baj –Sella 1-0
Marain – Calò 4-2
Astengo – Ciraolo C./Ciraolo G. 1-0
De Pascale – Gentile 0-2
Partita difficile sulla carta ma ancor più sul campo. Vittorio in difficoltà contro un ostico Gentile. Anche Geoffrey deve subire un paio di volte il ritorno di Calò prima di prendere definitivamente il largo. Tocca a Marco il compito di vincere obbligatoriamente contro Sella, mentre Giulio deve cercare l’impresa contro Carlo Ciraolo. All’intervallo Vittorio è sotto di uno, parità sugli altri campi. Gaetano Ciraolo subentra al fratello per cercare di avere ragione di un Astengo che sfodera una “paratoner” dopo l’altra, e quando riesce colpisce come un cobra in contropiede… Quando il risultato sia di Geoffrey su Calò che di Gentile su Vittorio non pare più in discussione ecco un urlo più forte e strano del solito dal campo numero 35: Giulio è passato in vantaggio. Marco continua a pressare (con la squadra di riserva che ha dovuto cambiare per sorteggio) per cercare il goal che chiuderebbe l’incontro… e quando finalmente la palla gonfia la rete di Sella può uscire un altro urlaccio liberatorio. Giulio intanto è galvanizzato e porta a casa una vittoria che sa di piccolo miracolo, anche se ormai la fila di “vittime illustri” che il nostro “Dukan” sta raccogliendo si ingrossa sempre più. Finiamo la prima giornata con 8 punti, secondi dietro l’imprendibile Messina a 13, con una classifica cortissima che può si far sognare, ma che non lascia certo tranquilli.

Per cena Genny e signora ci lasciano soli per incontrare un’amica e noi ci consoliamo con delle pizze davvero eccezionali. Un litro di birra a testa, Giulio un litro e mezzo. Ritorno in albergo all’una di notte con canti “ALLEZ LES BLEU” che proseguono fino a tarda notte, con i nostri eroi costretti ad uscire sul balcone per rispondere alla chiassosa carovana dei tifosi che inneggiano con i clacson (vedi foto).


Domenica 22 novembre
Colazione, check-out e via verso il Pala Speca. Arbitriamo subito un match “caldo” tra Warriors Torino e Reggio Emilia, poi riposo in vista dell’incontro con Sassari, a cui siamo appaiati in classifica.
Sesta Giornata
SASSARI vs FLICKERS 0-1
Moro/Pintore –De Pascale 0-3
Lay – Baj 1-1
Ogno – Marain 1-1
Deffenu – Ancarola 1-1
Partita tosta quella contro i Sassaresi, rinforzati all’ultimo dall’acquisto dell’esperto Ogno.
Questa volta è Vittorio a trascinare la squadra tenendosi avanti nel punteggio con autorità e mettendo i “Bleu” (oggi in maglia rossa) in condizioni di non andare mai in apnea. Anche Geoffrey chiude il primo tempo avanti, mentre un Marco troppo nervoso con l’arbitro deve rincorrere un Lay cinico nel realizzare l’unica occasione concessa.
Genny è 0-0 all’intervallo e quando va sotto nella ripresa sembra mettersi male, anche perché Geoffrey subisce il pari… ma ecco che Genny impatta e rimette l’incontro in equilibrio. Marco segna ma è fuorigioco. Poi finalmente un goal valido. Siamo in vantaggio. Ultimi minuti di controllo palla per tutti e vittoria importantissima che ci fa arrivare galvanizzati al match molto sentito contro Biella.

Arbitriamo il derby Vibo-Reggio e poi siamo subito in campo… partita tosta ma stimolante contro una squadra che punta dichiaratamente alla promozione.
Settima Giornata
FLICKERS vs BIELLA 1-2
Marain – Bodin  0-1
Ancarola – Lena 0-1
Baj – Jon Scotta 1-0
De Pascale – Cuzzocrea 1-1
Match con pochissime reti. Partite tutte molto equilibrate e bloccate, tensione palpabile per un match chiave per le ambizioni di entrambi i club. Dopo qualche minuto la sblocca Bodin contro Geoffrey, ma è ancora molto presto… Vittorio passa a condurre contro Cuzzocrea ed all’intervallo siamo in parità.
Il pareggio di Cuzzocrea ad inizio ripresa riporta l’inerzia dalla parte di Biella, anche perché Genny deve subire gli attacchi di un Lena assatanato che si gioca il posto in squadra…
Dopo una serie interminabile di attacchi Marco la sblocca contro Jon Scotta, manca ormai pochissimo… ma Biella non ci sta e vuole vincere. Lena trova il goal decisivo quando ormai né Geoffrey né Vittorio possono riuscire a reagire. Partita bellissima e sconfitta che brucia. Molte le energie nervose spese in questo match.

Il turno di riposo questa volta non riesce a ricaricare a sufficienza le pile. Ci aspetta l’incontro con Papata, a pari punti con noi… e non è certo l’incontro giusto per rifarsi dopo la sconfitta contro Biella.
Ottava Giornata
FLICKERS vs PAPATA 1-3
Astengo – Nicchi  1-3
Marain – Neri 2-4
Baj – Vergoni 3-0
De Pascale – Caiazzo 1-2
Mai davvero in partita i Flickers in questo match. Nicchi e Neri sempre in controllo contro Giulio e Geoffrey. Quando nella ripresa Marco la sblocca e poi dilaga contro Vergoni, Vittorio non riesce a rimontare Caiazzo ed anche gli ultimi sussulti di Giulio e Geoffrey sono subito messi a tacere.
Non ci rimane che raccogliere le ultime energie e battere Cosenza.

Finale tosto, prima di viaggiare per 600 km abbondanti… ci tocca arbitrare Bruzia-Reggio Calabria e poi raccogliamo davvero le ultime energie per affrontare quello che è ormai diventato un match da vincere “a tutti i costi”.
Nona Giornata
COSENZA vs FLICKERS 0-4
Soria – Pessini 1-2
Borsani –De Pascale 0-1
Cuzzocrea – Marain 1-3
Sommella – Baj 0-3
Pronti-via e Marco segna. Buon viatico… anche il Pes vuole timbrare il cartellino con una vittoria fondamentale… sia Geoffrey che Vittorio soffrono ma ognuno porta a casa la pellaccia ed il 4-0 finale è netto e mai in discussione.

COMMENTO
Per una neopromossa ambiziosa come vogliamo essere, il risultato è più o meno in linea con le attese.
Siamo secondi a pari-merito con le tre squadre che ci hanno battuto, ma tre punti sotto abbiamo il baratro della serie D, che non ci possiamo permettere…
Avevamo previsto molto equilibrio e forse ce ne è stato ancor di più delle previsioni… classifica troppo corta per potere fare calcoli: se si perdono due partite di fila o a qualcuno viene il raffreddore ed al ritorno a San Benedetto non può esserci… possono essere cazzi amari, diciamocelo…
Cercheremo di arrivare all’appuntamento rilassati ed in forma, ma pronti a 9 battaglie con il coltello fra i denti.

Marco (7 vinte-2 pareggiate-0 perse) questa volta non ha fallito ed ha dimostrato che se gioca con continuità e tranquillità può davvero far bene. Solo 4 goal subiti, tre volte sotto ma non ha mai perso. Difficile ripetere uno score del genere al ritorno, ma… mai dire Baj….
Geoffrey (5-1-3) ha avuto un ottimo impatto e soprattutto nella prima giornata è stato trascinatore. Ha capito che la C italiana è durissima e siamo sicuri che questa esperienza lo renderà ancora più forte e motivato per il girone di ritorno. Grinta contagiosa.
Vittorio (3-2-4) ha faticato un po’ il primo giorno, ma poi anche lui è arrivato all’appello. Ha raccolto meno di quello che merita e nel girone di ritorno potrà essere proprio lui il valore aggiunto di questa squadra, che vuole e deve assolutamente mantenere la categoria.
Genny (0-2-2) è stato spesso ago della bilancia, in campo e fuori. Due pareggi fondamentali contro Roma e Sassari sono valsi 4 punti in più. A volte sacrificato contro il “carico da 90” avversario ha sempre tirato fuori prestazioni importanti.
 Giulio (1-1-2) ha impreziosito il suo score con una splendida ed importantissima vittoria contro Cremona, ma è cresciuto tantissimo anche come “quinto uomo”, in quello che ha capito essere un ruolo fondamentale, ma che pochi sanno svolgere con la dovuta intelligenza, decisione e sensibilità.

Luca (1-0-2) anche lui decisivo uomo squadra, ha giocato con poca continuità e questo rende difficilissimo trovare il ritmo giusto… ma proprio nella fondamentale partita contro Cosenza è uno dei primi a dare la scossa, rendendo facile una vittoria importantissima che poteva essere molto complicata.

(BajMa)